Tag Archives: corruzione

Io aderisco: senza corruzione riparte il futuro, l’appello di Don Luigi Ciotti

13 Feb

“Firmiamo per non essere cittadini a intermittenza che rispondono soltanto in momenti di grande emotività . Dobbiamo metterci in gioco noi e chiedere di mettersi in gioco a chi si è candidato per creare insieme un nuovo patto. La lotta alla corruzione – e non solo alla corruzione – ha bisogno di graffiare le coscienze degli uni e degli altri in modo chiaro, pulito e trasparente. È un atto di democrazia”.

“Questa petizione è fatta per coltivare il futuro”.

Don Luigi Ciotti

“La corruzione è uno dei motivi principali per cui il futuro dell’Italia è bloccato nell’incertezza. Pochi in Europa vivono il problema in maniera così acuta (ci seguono solo Grecia e Bulgaria). Si tratta di un male profondo, fra le cause della disoccupazione, della crisi economica, dei disservizi del settore pubblico, degli sprechi e delle ineguaglianze sociali” – si legge dal sito: www.riparteilfuturo.it

Continua: “Il prossimo 24 e 25 febbraio verremo chiamati a eleggere i nostri rappresentanti in Parlamento. È il momento di chiedere che la trasparenza diventi una condizione e non una concessione, esercitando il nostro diritto di conoscere.

Per questo domandiamo adesso, a tutti i candidati, indipendentemente dal colore politico, di sottoscrivere 5 impegni stringenti contro la corruzione. Serviranno per potenziare la legge anticorruzione nei primi cento giorni di legislatura e per rendere trasparenti le candidature”.

  • Inserire nella propria campagna elettorale la promessa di continuare il rafforzamento della legge anticorruzione iniziato con la riforma del novembre 2012. Concretamente, chiediamo sia modificata la norma sullo scambio elettorale politico-mafioso (416 ter) entro i primi cento giorni di attività parlamentare, con l’aggiunta della voce “altra utilità”.
  • Pubblicare il proprio Curriculum Vitae con indicati tutti gli incarichi professionali ricoperti.
  • Dichiarare la propria situazione giudiziaria e quindi eventuali procedimenti penali e civili in corso e/o passati in giudicato.
  • Pubblicare la propria condizione patrimoniale e reddituale.
  • Dichiarare potenziali conflitti di interesse personali e mediati, ovvero riguardanti congiunti e familiari.

La petizione può essere firmata da chiunque, non solo dai candidati. Si legge sul sito infatti: “Più siamo a firmare questa petizione, più i candidati dovranno ascoltare le nostre richieste. Firma adesso per un futuro senza corruzione”.

Per firmare basterà cliccare sul link: www.riparteilfuturo.it e lasciare i dati.

Tra i candidati trasparenti spiccano i nomi di Pierluigi Bersani (http://www.riparteilfuturo.it/politici/pier-luigi-bersani/), Nichi Vendola (http://www.riparteilfuturo.it/politici/nichi-vendola/) e Antonio Ingroia (http://www.riparteilfuturo.it/politici/antonio-ingroia/).

La lista è comunque consultabile su: http://www.riparteilfuturo.it/braccialetti-bianchi/.

Una grande vergogna Istituzionale censurata dai media nazionali e dalla Politica. Francesco Carbone

31 Dic

Image and video hosting by TinyPic
Cio’ che vado a descrivere e’ il modus operandi che il Sistema Massonico Criminale utilizza nei confronti di chi denuncia i Poteri Forti Italiani e nel mio caso per aver denunciato un’associazione a delinquere all’interno di Poste Italiane che gestisce gli appalti speciali del Servizio Postale in Appalto.
Un vero e proprio Caporalato utilizzato dal Sistema Politico Italiano per sfruttare i lavoratori dell’appalto negando loro quasi tutti i diritti previsti dal Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro e per sfruttare i soldi che il Ministero dello Sviluppo Economico sborsa per finanziari tutti gli Appalti Postali Italiani.
Un sistema creato non per far risparmiare l’azienda Poste Italiane, ma per spartirsi i proventi degli appalti.
Io per 7 anni sono stato il responsabile dell’appalto su Verona e Provincia alle dirette dipendenze dell’appaltante fino a quando ho iniziato a denunciare tutto cio’ che c’era di illegale all’interno di Poste Italiane e costretto a dare le dimissioni dopo essere stato allontanato da Poste Italiane per aver preteso di lavorare a norma di contratto e a norma di sicurezza.
Oltre ad aver collaborato con le Guardia di Finanza di Verona, è da 4 anni che denuncio a tutte le Autorita’ Italiane preposte al controllo e alla Magistratura inquirente gravissimi reati penali commessi contro lo Stato e contro i lavoratori , da pubblici ufficiali che fanno parte di questa associazione criminale ed essendo coperti politicamente, le mie denunce, vengono pilotate, poste in mano a una cerchia di magistrati che fanno parte e proteggono quel tipo di sistema e senza alcuna logica procedurale, le stesse denunce vengono archiviate senza essere poste neanche al vaglio del Gip , sicuri di essere intoccabili.
Con prove alla mano e che troverete anche nella mia pagina Facebook
Francesco Carbone (il coraggio di denunciare) Pagina Ufficiale
https://www.facebook.com/francescocarboneilcoraggiodidenunciare
ho denunciato alla magistratura con 13 denunce penali i seguenti reati:
Associazione a delinquere finalizzata a evasione fiscale, frode fiscale, caporalato, tentata corruzione a un incaricato di pubblico servizio, appalti a monopolio , minacce, vessazioni, gravissime condizioni igienico sanitarie e nessun rispetto delle norme sulla sicurezza, omissioni d’atti d’ufficio, abusi d’ufficio, falso ideologico, frode processuale, occultamento di documenti in fase di indagini penali.
Inoltre ho presentato :
3 istanze ministeriali , non ricevendo alcuna risposta;
6 lettere al Presidente della Repubblica senza risposta
2 istanze al Csm dove il CSM mi risponde dichiarando che le mie istanze sono state valutate al Plenum del CSM senza essere assolutamente vero;
1 lettera denuncia posta dal Presidente Fini alla commissione parlamentare competente e non e’ mai stata valutata dalla commissione Giustizia del Parlamento;
1 Interrogazione Parlamentare presentata dal Senatore Elio Lannutti il 24/11/2010
a 4 Ministeri e nessuno ha mai risposto o e’ intervenuto.
In pratica, pur di non portarmi davanti a un giudice per poter dimostrare tutta la verita’ che denuncio e che pubblico nel web da piu’ di 2 anni facendo nomi e cognomi e pubblicando le prove di cio’ che denuncio, nessuno ha il coraggio di denunciarmi per false informazioni, per calunnia o per diffamazione in quanto mi darebbero l’opportunita’ di avere un processo penale che farebbe cessare questa grande truffa contro lo Stato Italiano.
Visto che in Italia anche i media nazionali asserviti al potere non vogliono fare emergere questa vergogna Istituzionale Italiana, tra qualche mese uscira’ il libro dove tutto sara’ descritto e documentato minuziosamente e sara’ pubblicato in Italia e anche all’estero in lingua inglese e sicuramente i media stranieri non saranno cosi asserviti al potere massonico criminale italiano e renderanno di pubblico dominio questa grande vergogna istituzionale italiana.
Vi invito a visitare la mia Pagina Facebook, in bacheca troverete tantissimo materiale da visionare e per vedere tutti gli articoli pubblicati nei vari blog, siti giornalistici, interviste radio e tv registrate ,
cercate con google
Francesco Carbone Poste Italiane o
Francesco Carbone il coraggio di denunciare.

Francesco Carbone.

Francesco Carbone per il blog di Antonio Lo Mastro

Da Francesco:

Sono centinaia e centinaia i blog e siti on line che hanno pubblicato la vicenda, inoltre ho rilasciato interviste alle seguenti radio e tv: Radio Time, Radio 100 passi, Radio Libera Tutti , Radio studio 54 , Radio Elleuno, Radio Up, Telejato , Tv Alfa Licata, Antenna Sicilia e l’unico mensile di rilievo nazionale La Voce delle Voci .
Ho partecipato a diversi incontri sulla legalita’.