Tag Archives: De Magistris

Gino Strada: a Ponticelli, est di Napoli, un poliambulatorio di Emergency

7 Mag

164988_10151567193171357_1653438923_nManca poco. Il tempo necessario per superare i vincoli burocratici e ottenere le autorizzazioni e a Ponticelli, est di Napoli, Emergency potrà far arrivare la propria esperienza con un poliambulatorio. Altre iniziative del genere sono state già avviate in Italia a Palermo, Marghera, Castel Volturno e Polistena. Il fondatore Gino Strada ha incontrato il direttore generale della Asl Napoli 1, Ernesto Esposito, e il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. Una riunione che è servita per capire a che punto è arrivato il progetto che Asl ed Emergency sottoporranno alla Regione Campania e al Comune di Napoli.

Il polimabulatorio sarà allestito nel parco De Filippo, riaperto qualche tempo fa dopo essere stato vandalizzato. “La volontà da parte delle istituzioni c’è – ha commentato Strada – spero che la procedura abbia tempi rapidi perchè la gente di Ponticelli ha bisogno anche di questa struttura”. Il poliambulatorio, infatti, non sarà destinato solo agli stranieri temporaneamente residenti, ma anche agli utenti di Barra-Ponticelli, che, secondo i dati, sono circa 100mila. “Il poliambulatorio ha una valenza sociale – ha aggiunto Strada – Ponticelli non è certo uno dei quartieri più facili della città. Seguiamo questo percorso e andiamo di corsa per dare risposte”.

A breve, ha fatto sapere de Magistris, “sarà firmato un atto tra Regione, Comune, Asl ed Emergency, attraverso il quale assegneremo questo bene, il parco De Filippo, di circa 700metri quadri”.

Per il sindaco, la collaborazione per la nascita del poliambulatorio è “una risposta significativa per la gente del quartiere”. A Ponticelli il primo passo sarà partire con una struttura mobile, nell’attesa che siano avviati i lavori per l’immobile che ospiterà poi il poliambulatorio. Asl Napoli 1 ed Emergency hanno messo a punto un progetto che sarà presentato alla Regione Campania e al Comune di Napoli. “Una forma di collaborazione che permette risparmio di risorse e miglioramento dei servizi erogati – ha concluso Esposito – Con il progetto apriamo l’Asl a nuove forme di collaborazione, nell’interesse di chi si rivolge al servizio sanitario. L’obiettivo è diventare un modello replicabile anche in altre Asl”.

Fonte: napoli.repubblica.it

Articolo tratto da: napoli.repubblica.it

Annunci

Nel 2011 anche l’Italia ha avuto la sua “primavera”

31 Dic

Per diverse motivi, proprio non ci possiamo lamentare del 2011. E’ vero, la crisi c’è stata e ha colpito molte famiglie. Il terremoto ha distrutto il Giappone e Steve Jobs è morto. Ma non dobbiamo comunque dimenticarci della “primavera araba” e anche della “primavera italiana”. E’ stato il 2011  l’anno delle rivolte, che hanno portato alla caduta dei dittatori. Da Mubarak in Egitto, a Gheddafi in Libia e a Ben Ali in Tunisia. Bin Laden è stato ucciso, anche se fosse stato più corretto che il terrorista iniziasse il nuovo anno scontando la sua pena in qualche cella di qualche carcere dopo un regolare processo, non come hanno agito gli agenti americani. Anche in Italia c’è stata una bella primavera. Per dirla con Marco Travaglio il 2011: “un ribaltone che più totale non si può, consumato in appena 12 mesi che han cambiato l’Italia più che in 17 anni”. Pisapia, De Magistris e Zedda vengono eletti sindaci rispettivamente di Milano, Napoli e Cagliari. L’Italia unita compie 150 anni e gli Italiani decidono il loro futuro vincendo i Referendum. Il 12 novembre Berlusconi rassegna le sue dimissioni. Finalmente finisce l’antipolitica. E’ questo l’evento più importante di tutto l’anno, altro che “primavera araba”. Possiamo lamentarci? Io credo proprio di no. Ma dobbiamo essere vigili e mantenere quello che abbiamo conquistato. Mica vogliamo farci fregare nel 2012?